Finanza agevolata

una risorsa per crescere

Cos'è la finanza agevolata

La finanza agevolata è una risorsa per crescere.

Nel corso di questa overview andremo a esplorare il mondo della finanza agevolata: cos’è e perché è una vera e propria risorsa per lo sviluppo di aziende e pubbliche amministrazioni?

Di seguito troverete risposte a queste domande, oltre a dettagli vari sulle risorse disponibili e su come ottenerle.

Background gradient
Uomo salta su una leva

Indice dei contenuti

Definire la finanza agevolata

La finanza agevolata è quell’insieme di finanziamenti destinati a imprese ed enti pubblici, con l’obiettivo di favorirne lo sviluppo.

Questi strumenti finanziari vengono messi a disposizione dalle istituzioni comunitarie e nazionali per sostenere aziende e pubbliche amministrazioni in un percorso di investimenti e di miglioramento.

Chi gestisce le risorse?

Nello specifico, i soggetti istituzionali che gestiscono l’erogazione di queste risorse sono principalmente cinque, come spiegato di seguito.

  • L’Unione Europea mette a disposizione i cosiddetti “fondi diretti”, ovvero fondi strutturali che vengono assegnati agli stati membri e alle regioni per attivare incentivi per le imprese, ad esempio il PNRR, FSE, FEARS, FEAMP.
    I fondi sono appunto gestiti direttamente dall’UE, tramite la Commissione Europea o suoi Direttorati Generali, principalmente utilizzate per incentivare la ricerca cooperativa, l’innovazione tecnologica, sociale e ambientale;
  • i Governi degli Stati membri attraverso i singoli ministeri e appositi decreti;
  • le Regioni mettono a disposizione i fondi cosiddetti “fondi indiretti”, ovvero fondi regionali rilasciati in primis dall’Unione Europea;
  • le Camere di Commercio gestiscono fondi camerali sia singolarmente che tramite Unioncamere, Comunali;
  • alcuni Istituti (in Italia ad esempio: INAIL, ASI, Fondi Interprofessionali, ecc.).
Destinatari delle agevolazioni

I soggetti beneficiari variano in ogni singolo bando o decreto sulla base di determinati criteri legati alla tipologia di attività aziendale (spesso identificata da una specifica classe ATECO), alla dimensione dell’impresa, alla sua localizzazione geografica, al bilancio e alle spese della stessa. La maggior parte dei contributi è generalmente destinata a tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni, e alle startup, purché abbiano un programma di investimenti chiaro, con un orizzonte temporale di medio periodo.
Molte agevolazioni sono tuttavia orientate anche a sostenere realtà differenti, con obiettivi diversi, quali:

  • Microimprese.
    imprese che hanno meno di 10 occupati e fatturato annuo, oppure un totale di bilancio annuo, non superiore a 2 milioni di euro;
  • organizzazioni Non Profit.
    realtà organizzative nate con lo scopo di soddisfare bisogni sociali senza ottenere un guadagno;
  • liberi professionisti.
    il libero professionista è un lavoratore autonomo, non impiegato, che svolge la propria attività per clienti diversi.

Per ogni imprenditore o professionista, la finanza agevolata costituisce quindi un asset strategico indispensabile per recuperare spese, razionalizzando i costi, per sostenere sviluppo e innovazione, per contribuire a rafforzare la propria competitività sul mercato di riferimento.
Per compiere, in altre parole, un vero e proprio salto di qualità.

Fondi diretti e indiretti

I Fondi diretti sono risorse gestite dall’UE sotto forma di sovvenzioni per progetti specifici attinenti alle politiche dell’UE.
Mentre i finanziamenti indiretti, noti anche come sussidi, non sono gestiti dall’UE ma dagli enti nazionali e regionali.

I Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) sono gestiti dall’UE in collaborazione con enti nazionali e regionali. Tra questi rientrano 5 fondi principali.

  • Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), che dal 1975 fornisce sostegno allo sviluppo e all’adattamento strutturale delle economie regionali, ai cambiamenti economici, al potenziamento della competitività e della cooperazione territoriale in tutta l’UE;
  • Il Fondo sociale europeo (FSE), istituito nel 1958 con l’obiettivo di contribuire alla flessibilità dei lavori e delle aziende, favorire l’accesso all’occupazione, la partecipazione al mercato del lavoro e l’inclusione sociale delle persone svantaggiate, contrastare tutte le forme di discriminazione e creare partenariati per gestire le riforme per l’occupazione;
  • il Fondo di coesione, che promuove lo sviluppo sostenibile e la coesione economica e sociale;
  • il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);
  • il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP).
Contributi disponibili

"Agevolazione" non è sinonimo di finanziamento a fondo perduto, né di prestito.
Nell’ambito della finanza agevolata, i contributi messi a disposizione delle imprese e dei professionisti sono diversi ed eterogenei:

  • contributi a fondo perduto.
    Somme che vengono accreditate sul conto corrente dell’impresa a totale o parziale rimborso di quanto speso per l’acquisto di un bene, un servizio o prestazione;
  • contributi in conto interessi (riduzione dell’interesse sul finanziamento).
    Come il fondo perduto ma la base di calcolo è sul tasso di interesse e non sul valore del bene Può portare il tasso di interesse a zero o "sottozero";
  • agevolazioni fiscali (crediti d’imposta e agevolazioni per deduzioni e detrazioni di imposta).
    Deduzioni e detassazione consistono in deduzioni dalla base imponibile Ires Irap o detrazioni dall’imposta lorda di determinate somme.
    Il Credito d’imposta invece si utilizza tipicamente in compensazione (Ires, Irpef, IVA);
  • finanziamenti agevolati.
    Finanziamenti ad un tasso di interesse molto inferiore rispetto ai tassi di mercato.
Spese ammissibili: per quali investimenti si può richiedere un’agevolazione?

Come già precedentemente accennato, la finanza agevolata premia, principalmente, investimenti innovativi. Di seguito le principali tipologie di investimenti per cui si può richiedere un’agevolazione:

  • innovazioni di prodotto.
    Consistono in un miglioramento, sul piano tecnologico, di uno specifico prodotto o servizio e comprende attività tra cui la registrazione di brevetti, l’ottenimento di certificazioni, la copertura delle spese per la ricerca, le consulenze e l’acquisto di beni strumentali;
  • innovazioni di processo.
    Prevedono investimenti mirati a rendere più efficiente un determinato processo produttivo. Questo obiettivo può essere raggiunto da un’impresa investendo, per esempio, nell’acquisto di impianti e macchinari, ma anche in opere murarie, consulenze tecniche o interventi per abbattere i consumi energetici;
  • innovazioni gestionali.
    Tutti gli investimenti che coinvolgono la formazione, l’acquisto di hardware e software, il management aziendale e le consulenze di esperti fanno parte della cosiddetta sfera gestionale;
  • innovazioni commerciali.
    Comprendono tutto ciò che ruota intorno alle strategie di comunicazione e di promozione di un’impresa fa parte della branca di incentivi dedicati all’innovazione commerciale: la partecipazione a fiere, la realizzazione di showroom e di ricerche di mercato, le spese per il marketing o per la creazione di consorzi per le esportazioni;
  • qualificazione delle risorse umane.
    Ogni impresa per proiettarsi nel futuro dovrebbe dedicare una particolare attenzione alle risorse umane. È per questa ragione che è possibile richiedere agevolazioni per supportare investimenti mirati a qualificare il proprio personale e ottenere risorse per la formazione professionale o per il welfare aziendale.
Come si accede alle risorse?

Accedere con continuità ed in modo strategico ai fondi pubblici e comunitari è una procedura che a volte può essere complessa.
La documentazione necessaria per la presentazione della domanda è spesso molto ampia e tecnica. Al contempo i tempi con quali produrla, per accedere ai bandi, sono spesso limitati. Le modalità di accesso possono essere le seguenti:

  • a sportello è prevista l’istruttoria delle agevolazioni secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande;
  • automatica non prevede particolari istruttorie di carattere tecnico/economico/finanziario.
    Tipicamente utilizzata per le agevolazioni fiscali. Può esserci il riparto delle risorse;
  • a graduatoria la selezione dei progetti ammissibili avviene tramite valutazione comparata, nell’ambito di specifiche graduatorie, sulla base di idonei parametri oggettivi predeterminati. Può esserci il riparto delle risorse;
  • negoziale per grandi progetti di investimento, prevede una manifestazione di interesse da parte delle imprese e accordi ad hoc con la PA tramite contratto.
A chi rivolgersi per ottenere una consulenza in finanza agevolata?

Le due figure professionali chiave del sistema della finanza agevolata sono il consulente strategico e il consulente specifico. Sono loro che guidano le imprese verso le scelte migliori per sostenere gli investimenti.

Il consulente specifico è colui che si occupa sostanzialmente di pratiche per business particolari, come l’avvio di un’impresa, o di perizie tecniche su qualche norma specifica.
Mentre, il consulente strategico, come nel caso di Innova Finance, lavora spesso in realtà strutturate quindi all’interno di un gruppo con competenze trasversali che coprono la finanza agevolata a tutto tondo (qui un approfondimento su consulente strategico e specifico).

cosa facciamo

Percorso strategico
e operativo

Ogni impresa è speciale, ha la propria storia, i propri obiettivi, la propria unicità. Grazie alla nostra esperienza, siamo in grado di individuare e attuare il percorso strategico per una crescita strutturata e continua della tua impresa, affiancando la finanza agevolata alla finanza ordinaria.

CONSULENZA

Per avviare l'evoluzione della tua impresa.

Scopri il servizio

ANALISI

Per tracciare il tuo percorso strategico realizzabile subito.

Scopri il servizio

SVILUPPO

Per rendere esecutivo il tuo percorso strategico.

Scopri il servizio
resta aggiornato

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai un approfondimento gratuito su come affiancare finanza agevolata e finanza ordinaria nella tua azienda

compila il form

Lavora con noi

App
Innova Finance

Scarica gratuitamente la nostra APP per smartphone.
Potrai consultare i bandi selezionati da Innova Finance, potenzialmente strategici per la tua impresa.